Oggi voglio parlare di un disco che racchiude in una storia tante storie: “Viaggiando” di Rosario Bonaccorso. Musicista tra i più sensibili e colti del panorama musicale italiano, uomo con il quale scambiare due chiacchiere diventa sempre un momento speciale, perché riesce a mettere tutto il mondo che lo circonda a suo agio, come d’altronde fa da sempre con la sua musica. Viaggiando è un disco bello, intimo, dolce, che Rosario ha voluto raccontare con dei musicisti speciali che condividono l’idea cosmopolita della musica e del vivere. Oltre a Rosario Bonaccorso al contrabbasso e voce, abbiamo Roberto Taufic alla chitarra, Javier Girotto al sax e flauti e Fabrizio Bosso alla tromba.

Verrebbe da dire, ovvio che con questi musicisti il risultato non può essere che eccellente, ma io non sono d’accordo, perché se non condividi il pensiero, la filosofia, la voglia, e il bisogno puoi ottenere un buon prodotto, ma la magia si ottiene con il pensiero condiviso, serve quel qualcosa che non sempre si riesce ad accendere. Nello specifico il viaggio raccontato da Rosario Bonaccorso è si il suo viaggio, ma in realtà è il viaggio di tutti, il suo alternare suggestioni che ci portano attraverso paesaggi a volte visti, spesso sognati, ma che comunque fanno parte della nostra memoria e del nostro aver vissuto qualcosa di simile. E quindi Brasile ma anche Argentina, America, prospettive, punti di vista, mare, cielo, terra, cammino, sentire il sapore della polvere tipico di chi ha camminato in varie direzioni in vari sentieri della vita, esperienze da cui ha saputo cogliere molto e lo ha saputo raccontare e mettere in musica.


Roberto Taufic, la chitarra tra le sue mani sa raccontare storie che ci parlano di ritmo, melodia, di incontro di dune di sabbia che vanno ad incastrarsi in un mare di un blu intenso come le spiagge della sua infanzia. Javier Girotto, con i suoni che lo rappresentano in maniera inequivocabile, racconta di viaggi che possono sembrare abbandoni, ma che in realtà sono legami forti con quel mondo latino che da sempre è l’unione tra il nostro mediterraneo e l’oceano infinito. Fabrizio Bosso, un musicista incredibile dotato di una tecnica e di una sensibilità musicale unica che sa cogliere ogni sfumatura e attraverso la sua tromba riesce a raccontare, con assoluta disinvoltura, un tramonto napoletano, una notte a Manhattan o una passeggiata romana. E poi c’è Rosario Bonaccorso, il filo conduttore del viaggio musicale che viene descritto in questo meraviglioso disco, il suo pensiero è come un grande sarto di alta moda che riesce a cucire insieme le grandi personalità che compongono il racconto e riesce a far convivere il caleidoscopio di colori che appartengono alla vita.


Viaggiando” di Rosario Bonaccorso, con Roberto Taufic, Fabrizio Bosso, Javier Girotto. Per Jando Music, Via Veneto jazz 2015

Fabio Giacchetta